Sistri - Gestione rifiuti

Con il Decreto Ministeriale del 17 dicembre 2009, diventa obbligatorio il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) per diverse categorie aziendali.
    Precisazioni e indicazioni definitive

  1. Obbligo di iscrizione al SISTRI entro il 01/03/2010 ed entrata in vigore del SISTRI dal 13/07/2010 per i seguenti soggetti:
    • i produttori iniziali di rifiuti pericolosi, comprese le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti pericolosi fino a 30 kg o litri al giorno, con più di 50 dipendenti
    • le imprese e gli enti con più di 50 dipendenti, produttori iniziali di rifiuti non pericolosi
      • da lavorazioni industriali,
      • da lavorazione artigianali,
      • da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, o di fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi;
    • i commercianti e gli intermediari di rifiuti
    • i consorzi istituiti per il recupero e il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuto che organizzano la gestione di detti rifiuti per conto dei consorziati,
    • le imprese che raccolgono e trasportano rifiuti speciali (pericolosi o non pericolosi),
    • le imprese e gli enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento di rifiuti,
    • nel caso di trasporto marittimo, il terminalista concessionario dell’area portuale e l’impresa portuale ai quali sono affidati i rifiuti in attesa dell’imbarco o allo sbarco, in attesa del successivo trasporto,
    • in caso di trasporto ferroviario, i responsabili degli uffici di gestione merci e gli operatori logistici presso le stazioni ferroviarie, gli interporti, gli impianti di terminalizzazione e gli scali merci ai quali sono affidati i rifiuti in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell’impresa ferroviaria o dell’impresa che effettua il successivo trasporto
  2. Obbligo di iscrizione al SISTRI dal 13/02/2010 al 30/03/2010 ed entrata in vigore del SISTRI dal 12/08/2010 per i seguenti soggetti:
    • le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi che hanno fino a 50 dipendenti, comprese le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti pericolosi fino a 30 kg o litri al giorno,
    • i soggetti che hanno tra gli 11 e i 50 dipendenti, produttori iniziali di rifiuti non pericolosi
      • da lavorazioni industriali,
      • da lavorazione artigianali,
      • da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, o di fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi

  3. SOGGETTI ESCLUSI DALL'OBBLIGO DI ADESIONE MA CHE POSSONO ADERIRE FACOLTATIVAMENTE A PARTIRE DAL 12/08/2010
    • le imprese e gli enti che non hanno più di 10 dipendenti, produttori iniziali di rifiuti non pericolosi
      • da lavorazioni industriali,
      • da lavorazione artigianali,
      • da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, o di fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi.
    • le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti non pericolosi di cui all’art.212, comma 8, del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152
    • gli imprenditori agricoli di cui all’art.2135 del codice civile che producono rifiuti non pericolosi
    • le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da attività diverse da quelle
      • industriali,
      • artigianali,
      • di recupero e smaltimento di rifiuti, o di fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi
  4. MODALITA' REGISTRAZIONE AL SISTRI
    1. Registrazione ON-LINE. La registrazione al SISTRI può essere effettuata on-line collegandosi al sito www.sistri.it e seguendo le istruzioni (spiegazione multimediale. In questo caso, prima di iniziare la procedura occorre avere a portata di mano tutti i dati richiesti nel Modulo d'iscrizione.
    2. Registrazione via FAX al nr. verde 800 05 08 63, inviando il Modulo di registrazione redatto conformemente alla posizione dell'azienda.
    3. Registrazione per TELEFONO al nr. verde 800 00 38 36. Si suggerisce di redigere prima il Modulo d'iscrizione e poi di telefonare.
  5. PAGAMENTO DEL CONTRIBUTO ANNUALE
    • Ogni soggetto che aderisce al SISTRI deve pagare un contributo annuale per ciascuna attività di gestione dei rifiuti svolta all’interno dell’unità locale.
    • In caso di unità locali per le quali è stato richiesto un dispositivo USB per ciascuna unità operativa (ciò si verifica quando in una singola unità locale/insediamento ci sono due distinti impianti -unità operative- che producono/trattano rifiuti, ad esempio un insediamento produttivo che abbia anche un impianto di recupero rifiuti R1-R13; in questo caso ci saranno 2 unità operative).
    • Le imprese che raccolgono e trasportano rifiuti (trasportatori conto terzi) versano il contributo per la sola sede legale e per ciascun veicolo adibito al trasporto di rifiuti.
    • Le imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti di cui all’articolo 212, comma 8, del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152, versano il contributo relativo alla categoria di produttori di appartenenza e il contributo relativo al numero di veicoli adibiti al trasporto di rifiuti.
  6. TERMINI E MODALITA' DI PAGAMENTO DEL CONTRIBUTO ANNUALE.
    • Il pagamento dev'essere effettuato solo dopo comunicazione da parte del SISTRI del numero di pratica dell'avvenuta iscrizione.
    • Per il 2010 il contributo va versato entro i termini di iscrizione e quindi entro il 01/03/2010
    • Per gli anni successivi il contributo va versato entro il 31 gennaio
    • Il pagamento del contributo può avvenire attraverso le seguenti modalità:
      • presso qualsiasi Ufficio Postale: mediante versamento dell’importo dovuto sul conto corrente postale n.871012 intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato di Roma. In particolare, nella causale di versamento occorrerà indicare: Capo 32/Capitolo 2592/Articolo 14 - contributo SISTRI/anno 2010, il codice fiscale dell’Operatore, il numero di pratica comunicato dal SISTRI, a conferma dell’avvenuta iscrizione
      • mediante bonifico bancario alle coordinate IBAN: IT88 Z010 0003 2453 4803 2259 214. In particolare, nella causale di versamento occorrerà indicare: contributo SISTRI/anno 2010, il codice fiscale dell’Operatore, il numero di pratica comunicato dal SISTRI, a conferma dell’avvenuta iscrizione
      • presso la Tesoreria provinciale dello Stato (Banca d’Italia): versando il contributo in contanti con la seguente causale di versamento: Capo 32/Capitolo 2592/Articolo 14 - contributo SISTRI/anno 2010; il codice fiscale dell’Operatore il numero di pratica comunicato dal SISTRI, a conferma dell’avvenuta iscrizione.
  7. IMPORTO DEL CONTRIBUTO ANNUALE D'ISCRIZIONE AL SISTRI
    • Gli importi dovuti per i contributi annuali d'iscrizione al SISTRI sono indicati nell'allegato Contributi_annui.
  8. PROCEDURE SUCCESSIVE - FASE 1
    • Dopo aver effettuato il pagamento dei contributi dovuti, gli Operatori dovranno comunicare al SISTRI, via fax al numero verde 800 05 08 63 o via e-mail all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , i seguenti estremi di pagamento:
      • numero della quietanza di pagamento rilasciata dalla Sezione della Tesoreria Provinciale presso la quale è stato effettuato il pagamento, ovvero il numero VCC-VCY della ricevuta del bollettino postale, ovvero il numero del “Codice Riferimento Operazione” (CRO) del bonifico bancario;
      • l’importo del versamento; il numero di pratica a cui si riferisce il versamento. Per qualsiasi comunicazione è, in ogni caso, possibile contattare il SISTRI al seguente numero verde: 800 00 38 36
    • A seguito dell’invio al SISTRI degli estremi del pagamento, gli Operatori saranno contattati dalle Camere di Commercio, dalle Associazioni imprenditoriali o loro società di servizi delegate dalle Camere di Commercio ovvero dalle Sezioni regionali e provinciali dell’Albo Gestori Ambientali per la comunicazione della data dell’appuntamento per la consegna dei dispositivi USB e delle black box.
  9. FASE 2 - CONSEGNA DEI DISPOSITIVI
    • La consegna dei dispositivi USB e delle black box (per le sole imprese di trasporto) avverrà:
      • per le imprese di trasporto iscritte all’ Albo Nazionale Gestori Ambientali, presso la Sezione regionale o provinciale dell’Albo competente; per tutti gli altri operatori, presso la sede della Camera di Commercio della Provincia dove è ubicata la propria sede legale, oppure presso le sedi delle Associazioni imprenditoriali, o loro società di servizi. Nel caso in cui l’operatore abbia anche una o più unità locali, la consegna verrà effettuata presso la sede della Camera di Commercio dove è ubicata ciascuna unità locale. L’addetto del Sito di distribuzione consegna al legale rappresentante dell’Operatore (o a persona delegata) un plico contenente:
        • il/i dispositivo/i USB già precedentemente personalizzato/i; la/e stampa/e in busta cieca della password per l’accesso al Sistema, la password di sblocco del/i dispositivo/i USB (PIN), del PUK, dell’identificativo utente (username) e del numero di serie del dispositivo; nel caso in cui l’operatore sia un trasportatore, la lista delle officine autorizzate ad installare le black box nelle province interessate, stampata dal sito del portale SISTRI, con l’indicazione del periodo temporale entro cui fissare l’appuntamento per l’installazione, e un modulo per il ritiro e installazione delle black box. La distribuzione dei dispositivi USB e l’installazione delle black box devono essere completate entro i 30 giorni antecedenti l’avvio dell’operatività del sistema.
    • Al termine della procedura di iscrizione le Camere di Commercio, le Sezioni regionali e provinciali dell’Albo e le Associazioni imprenditoriali comunicheranno settimanalmente al SISTRI l’avvenuto ritiro dei dispositivi elettronici.

Prima di dare inizio agli adempimenti Vi invitiamo a leggere attentamente (almeno due volte) le indicazioni sul portale del SISTRI (www.sistri.it)